Bonus nido 2021

co-calendar
Mar 5, 2021 10:13:25 AM
reading-time
Tempo di lettura: 2 min

Anche nell'anno corrente si potrà chiedere all'INPS il bonus nido per il pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati o di forme di assistenza domiciliare in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche.

L'INPS ha rilasciato la procedura online per l'invio e per la consultazione delle domande con il messaggio n. 802 del 2021.

Il bonus nido si articola in due agevolazioni (articolo 1, comma 355, della legge 11 dicembre 2016, n. 232):

  • un contributo per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati;
  • un contributo per l’utilizzo di forme di supporto presso la propria abitazione in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche.

 

Il contributo per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati è erogato normalmente in 11 mensilità.
La prestazione viene erogata in base al valore dell'ISEE minorenni riferito al minore per cui è richiesta la prestazione, secondo le seguenti fasce:

  • ISEE minorenni fino a 25.000 euro = importo erogabile 3.000 euro;
  • ISEE minorenni da 25.001 euro fino a 40.000 euro = importo erogabile 2.500 euro;
  • ISEE minorenni da 40.001 = importo erogabile 1.500 euro.

Nel caso in cui non sia presente un ISEE minorenni in corso di validità, il budget assegnato sarà quello più basso, pari a 1.500 euro, mentre il contributo mensile erogato dall’INPS non può eccedere la spesa sostenuta per il pagamento della singola retta.
Il premio asilo nido non è cumulabile con la detrazione fiscale per la frequenza degli asili nido, a prescindere dal numero di mensilità percepite.

Presentazione domande



La domanda di bonus va presentata esclusivamente in via telematica attraverso:

  • il portale web, con codice PIN rilasciato dall’INPS oppure di SPID di livello 2 o superiore o una Carta di identità elettronica 3.0 o una Carta Nazionale dei Servizi
  • patronati


Al momento della domanda è obbligatorio allegare:

  • per i genitori richiedenti il contributo per le forme di supporto presso la propria abitazione, "l'attestazione rilasciata dal pediatra di libera scelta" che il minore è impossibilitato a frequentare gli asili nido in quanto affetto da gravi patologie croniche;
  • per i genitori richiedenti il contributo asilo nido, la documentazione comprovante il pagamento di almeno una retta di frequenza per cui si richiede il beneficio oppure, nel caso di asili nido pubblici che prevedono il pagamento delle rette posticipato rispetto al periodo di frequenza, la documentazione da cui risulti l'iscrizione ovvero l'avvenuto inserimento in graduatoria del bambino.

Il genitore che presenta un ISEE irregolare per via di omissioni e/o difformità può regolarizzare la situazione, entro il termine di validità della DSU, in una delle seguenti modalità:

  • con idonea documentazione;
  • presentando una nuova DSU che contenga le informazioni in precedenza omesse o diversamente esposte;
  • rettificando la DSU, con effetto retroattivo (qualora sia stata presentata tramite CAF e quest’ultimo abbia commesso un errore materiale).


Per i genitori che hanno presentato domanda di bonus nido nel 2020, la domanda verrà precompilata sulla base delle informazioni contenute nella richiesta di bonus preesistente purchè sia presente nella procedura INPS la documentazione di spesa valida riferibile ad almeno una delle mensilità da settembre a dicembre 2020.

L'INPS eroga il bonus asilo nido tramite:

  • bonifico domiciliato presso ufficio postale;
  • accredito su c/c bancario;
  • accredito su c/c postale;
  • libretto postale;
  • carta prepagata con IBAN.

Contattaci ora per presentare la domanda.

 

Potresti essere interessato a:

Seguici sui social

sii il primo a sapere le novità del settore